Skip to main content

via Salaria 195, angolo v.le Liegi, 00198 Roma

L’insuccesso scolastico coglie sempre impreparati: è un evento doloroso che, anche quando ce lo si aspetta, colpisce con forza ragazzi e genitori.
Il fallimento scolastico, infatti, rappresenta una battuta d’arresto in quelle che sono le aspettative circa il percorso di sviluppo normativo dell’adolescente all’interno del contesto d’apprendimento, per questo motivo è un evento foriero di tensioni in famiglia, ansie, preoccupazioni e molte domande.

Una su tutte: “è giusto cambiare scuola?”.

Vediamo come rispondere, analizzando i significati annessi al cambio d’indirizzo.

Bocciatura: cambio scuola sì o no?

La risposta a questa domanda non può essere scissa dall’origine dell’insuccesso scolastico: essere bocciati può avere diverse origini, non tutte riconducibili necessariamente al sistema scolastico.
Cambiare scuola è una soluzione che trova il suo significato in due occasioni:

  • l’adolescente ha avuto forti difficoltà nell’inserimento scolastico: esclusione da parte del gruppo classe, bullismo, cyberbullismo ed altri episodi di tipo sociale che possono avere un effetto profondo sul suo senso di autoefficacia relazionale. Si tratta di eventi molto impattanti sul benessere adolescenziale: non trovarsi, ed essere anzi presi di mira, dal proprio gruppo classe può rendere la scuola un incubo, con conseguenti ricadute sull’intero percorso scolastico.
  • l’adolescente ha presentato difficoltà nell’apprendimento di materie specifiche tipiche dell’indirizzo scelto: in questo caso bisognerebbe chiedersi se l’indirizzo scelto sia adatto per il ragazzo o se, piuttosto, la scelta è stata viziata da pressioni o aspettative familiari, influenze sociali (va dove vanno gli amici), mancato orientamento scolastico.

In entrambi i casi è bene tenere a mente che il dialogo con il proprio figlio circa le origini della bocciatura è di fondamentale importanza, così come l’opinione degli insegnanti sul significato della bocciatura: solo attraverso un quadro completo della situazione è possibile prendere una decisione significativa e mirata.

Al di fuori di questi casi, cambiare scuola può non avere senso, vediamo perché.

Cambiare scuola: quando non ha senso

Cambiare scuola non ha senso nel momento in cui la bocciatura ha un’origine diversa da quella sopra descritta: l’insuccesso scolastico, infatti, può rappresentare un campanello di allarme nella vita dell’adolescente che, attraverso esso, può segnalare delle difficoltà psicologiche, relazionali, affettive, che possono avere origine, ad esempio, fra le mura di casa.

In questo caso cambiare scuola ha un duplice svantaggio:

  • Non agisce sull’origine del malessere adolescenziale e mette a tacere quella che, invece, potrebbe essere un’occasione per comprendere al meglio le necessità del ragazzo e gli equilibri dell’intera famiglia.
  • Deresponsabilizza l’adolescente: cambiando scuola è come se si puntasse il dito contro l’organizzazione educativa, additandole le colpe del fallimento scolastico. In tal modo l’adolescente potrebbe intendere la sua bocciatura come “legittima” e non prendersi le responsabilità del suo non studiare, cosa che sfavorisce la sua maturazione. L'adolescenza è una delicata fase di transizione in cui il ragazzo non è più bambino, ma non è nemmeno adulto, per questo motivo accompagnarlo nella responsabilizzazione e nella comprensione profonda dei suoi diritti e doveri è uno dei compiti più importanti (ed ardui) della genitorialità.

Bocciatura e cambio scuola: come comportarsi?

In estrema sintesi, è bene tenere a mente che la bocciatura è un segnale, un inciampo nel percorso adolescenziale che può essere trasformato in un’opportunità di crescita se elaborato ed affrontato con intelligenza e maturità.

Nell’insuccesso scolastico è bene ricordare che non c’è un colpevole (mai colpevolizzare il figlio!), ma che è necessario porre l’accento sulla responsabilità individuale a prendere questo errore come una possibilità di riparazione.

Per mettersi nelle condizioni migliori per affrontare questo evento spiacevole, è necessario conoscere le origini della bocciatura e quali soluzioni adottare: è una questione complessa che va analizzata con la giusta calma e ponderatezza, poiché le origini possono essere molteplici.
Per aiutarti in questa decisione, ho scritto un articolo dettagliato sulle origini e le soluzioni alla bocciatura in adolescenza, lo trovi qui. Buona lettura.