Skip to main content

via Salaria 195, angolo v.le Liegi, 00198 Roma

Viene definito ghosting un fenomeno per il quale all’interno di una relazione uno dei due partner, improvvisamente, sparisce come un fantasma: è un fenomeno relazionale particolarmente frequente negli ultimi anni ed è fonte di sofferenza e sfiducia.

Subire ghosting è un’esperienza svilente: hai creduto che una persona fosse presente per te, ma ciò non si è rivelato vero.
È, dunque, probabile che provi rabbia, risentimento, sfiducia nel prossimo, frustrazione e confusione, i tuoi sentimenti sono legittimi, ed hanno un significato: essere ghostati significa sentirsi dire “tu non esisti più”, sentimento paradossale poiché è il ghost ad essere sparito, eppure sei tu a sentirti inesistente.
La scomparsa della persona che fino ad un momento prima credevi complice genera un insieme di sentimenti di incredulità, negazione, colpa, rabbia, svalutazione.
Ti sforzi a trovare un senso ed una spiegazione ad un comportamento che di senso e spiegazioni non ne vuole dare: si innesca una spirale di dubbi, domande, confusione e svalutazione di sé, dell’altro, e della relazione stessa.
Quando il dolore è grande e la spirale si fa più profonda, questi sentimenti vengono decontestualizzati ed applicati alle situazioni relazionali in generale, facendoti perdere la fiducia verso il prossimo.

I motivi del ghosting: perché le persone scompaiono?

Chi ghosta sta realizzando un atto relazionale aggressivo, dimostrando immaturità relazionale ed emotiva.
Generalmente, chi ghosta non lo fa per ferire l’altra persona, piuttosto lo fa perché non è in grado di affrontare la situazione diversamente: la sua difficoltà sta nella incapacità di leggere con consapevolezza le proprie emozioni, passando direttamente all’atto, in questo caso alla scomparsa.
Spesso, il ghosting fa parte di un più ampio sistema di strategie difensive verso le criticità che ha come cardine il nascondersi, il non sapersi – o volersi – assumere responsabilità, lo sparire. 
Questo ci aiuta a comprendere chi ghosta, tuttavia, non deve giustificare un comportamento che è violento e lesivo della dignità altrui.

Cosa fare se hai subito ghosting?

Subire ghosting può generare un sovraccarico emotivo e nervoso importante, specialmente se la persona che ha messo in atto tale comportamento ha un ruolo importante nella tua sfera emotiva ed affettiva.
Come detto in precedenza, le sensazioni generate sono più che spiacevoli, pertanto, potresti avere la tendenza a volerle silenziare attraverso meccanismi di coping disfunzionali come ad esempio il bere, il fumare, l'utilizzare pasticche ed altri comportamenti a rischio.
Questi tipi di soluzione controproducente al dolore derivano dal passaggio diretto che c'è dall'emozione spiacevole alla sua "tentata soluzione".
Tuttavia, c'è un passaggio intermedio che può aiutarti nell'affrontare questa situazione in una maniera più consapevole, matura e non-distruttiva: l'osservazione dell'emozione, la sua accettazione, senza ricorrere frettolosamente ad una soluzione.
Subire ghosting è una ferita relazionale profonda che ha bisogno del suo tempo e del suo respiro per potersi cicatrizzare.