Skip to main content

via Salaria 195, angolo v.le Liegi, 00198 Roma

Aprire i social la mattina: come rovinarsi la giornata

I social sono una presenza costante nelle nostre vite, questo è un dato di fatto.
Quello che è meno scontato è, invece, quanto si è consapevoli dell’utilizzo e degli effetti che questi hanno sulla direzione dell’intera giornata.

Cosa succede quando apri i social la mattina?

A meno che i social non siano per te il tuo lavoro, aprire i social la mattina può avere molti effetti negativi sull’attenzione, sulla concentrazione e sull’equilibrio neurochimico del cervello, compromettendo la tua mattinata e, di conseguenza, il resto della tua giornata.

  • A livello attentivo: i social sono un disastro, saprai certamente che abbassano la soglia dell’attenzione con i loro contenuti mordi e fuggi, ma la cosa ben peggiore è che aprendo il social dirigi le tue risorse attentive verso l’esterno e non verso l’interno. Ciò significa che anziché focalizzarti sulle tue necessità per la giornata, la tua attenzione è subito rivolta ad altro.
  • A livello di concentrazione: l’aver fornito subito al cervello un’occasione per distrarsi significa star impostando la giornata sulla distrazione.
    Concentrazione e distrazione funzionano, rispettivamente, come circoli virtuosi e viziosi: più sei in grado di focalizzarti, rinunciando alle distrazioni, più è alta la probabilità di mantenere la concentrazione per archi temporali protratti; al contrario, più ti distrai, minore è la capacità di mantenere la concentrazine alta per lunghi periodi di tempo.
    È una questione di equilibri neurochimici, ci arriviamo nel prossimo punto, che agiscono in maniera automatica, al di fuori della tua volontà.
  • A livello di neurochimica: c’è uno sbilanciamento immediato dovuto all’effetto della dopamina. La dopamina è l’ormone del piacere, nonché della dipendenza, poiché i suoi effetti sul cervello sono così piacevoli che automaticamente il tuo organismo ne vuole ancora. Ogni volta che apri i social, che ti arriva un messaggio, che ricevi una notifica, piccole scariche di dopamina vengono rilasciate all’interno del tuo cervello. Facendotene volere ancora di più.
    Risultato? Apri i social e ti ritrovi a scrollare senza neanche rendertene conto.
    Quando la tua mano va a sbloccare il cellulare e clicca sull’icona i Instagram, ad esempio, è un gesto automatico, a cui non pensi, ma che agisci direttamente.
    Perciò, quando apri i social, inneschi in meccanismo automatico che ti indurrà a distrarti di più lungo l’arco della tua giornata.

I social e il paragone

Un altro effetto negativo che i social causano è l’immediato paragone con le vite degli altri.
Sappiamo che, nel 90% dei casi, sui social vengono postati contenuti patinati, filtrati, che non riflettono l’attuale condizione di vita delle persone.
Eppure, questa consapevolezza viene spesso surclassata dalla potenza di alcune immagini che appaiono troppo succulente per non indurre in noi un determinato tipo di desiderio.
Un esempio tipico potrebbe essere: apro Instagram, vedo la foto di profilo X che è al mare, in vacanza, in mongolfiera, eccetera e mi chiedo quando sarà il mio turno di fare quelle bellissime esperienze che ancora non ho fatto.
Un altro ipotetico esempio potrebbe essere: apro Instagram, mi fa vedere un oggetto bello, che mi piace, che desidero e che mi chiedo quando potrò possedere.
Il paragone che il social genera è quasi sempre un paragone a perdere.
Un paragone a perdere genera il più delle volte sentimenti come invidia e risentimento.

Stare con Sé

Dunque, aprire i social la mattina può generare, oltre allo squilibrio neurochimico e alla perdita di risorse attentive e di concentrazione, sentimenti spiacevoli.
Il tutto avviene in maniera poco conscia.

Adottare la buona pratica di non aprire i social la mattina e dedicare questo spazio a Sé stessi, al portare avanti compiti significativi, a rispettare i propri equilibri e ad abitare la propria persona, significa impostare la mattinata e la giornata verso uno sviluppo più naturale, equilibrato, coerente con le necessità interiori e non con i desideri apparenti che arrivano dall’esterno.

Se è un’abitudine per te quella di aprire i social la mattina, potrebbe esserti difficile mettere in atto questo tipo di buona pratica poiché, come ogni abitudine, ci sono delle resistenze da affrontare - parlo di questo argomento in maniera più dettagliata in nell’articolo Nutrire la mente con le abitudini: la “diaita”.

Come non aprire i social?

La strategia è quella di sostituire l'abitudine poco sana di aprire il social con un'altra più funzionale: cos'altro potresti fare la mattina al posto di aprire Instagram? Se vuoi concederti un po' di relax, potresti pensare di leggere un libro, se hai bisogno di scaricare delle tensioni, potresti fare sport o meditare. Se hai bisogno di mettere in ordine i tuoi pensieri, il journaling può essere una soluzione.
Le possibilità sono tante e variegate, ma ti si presenteranno solo nel momento in cui avrai eliminato l'abitudine disfunzionale.