psicologoromalaura rinellaDott.ssa Laura Rinella  Psicologa Psicoterapeuta                                                  Iscr.Ordine Psicologi Lazio n. 6246
Via Rubicone, 27 Roma Nord Quartiere Trieste
cell.344 2956766 mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

cell2 344 2956766

fobiascuolaasiloIl rifiuto della scuola dell'infanzia/ scuola materna

L’ingresso alla scuola dell’infanzia ovvero l’asilo non è sempre esente da difficoltà, soprattutto se il bambino non è stato inserito al nido in precedenza e/o ha difficoltà a separarsi dalla madre o dal caregiver abituale.

Chi come genitore, non ha mai assistito ai pianti dei bimbi che varcano per i primi giorni le porte della scuola? Rientra infatti nei comportamenti fisiologici per età la protesta iniziale e la difficoltà a inserirsi in un ambiente nuovo nella prima infanzia, se poi però si risolve a breve e il bambino si adatta.

Alla protesta iniziale di separarsi dalla madre, ai pianti, segue poi gradualmente una fase di calma  in cui il pianto cessa e il bimbo segue le attività. Dopo alcuni giorni il bimbo è sereno e va a scuola volentieri.

E’ la reiterazione della protesta, la difficoltà protratta nell’inserimento, il mancato adattamento, che dovrebbe essere attenzionato .

In un’età precoce come quella della prima infanzia, il rifiuto della scuola si manifesta con ansia marcata e conseguente consistente agitazione, pianti protratti e disperati, suppliche, forte opposizione.

Si tratta di ansia di separazione, della difficoltà a staccarsi dal care giver, solitamente la figura materna, di lasciarla sola. Lo stile di attaccamento alla figura di accudimento e la qualità delle relazioni familiari in toto, giocano un ruolo determinante nel manifestarsi di questo disagio che tale si può definire se si protrae nel tempo, oltre le due settimane.

Molto importante è l'atteggiamento della figura di riferimento alla separazione, i segnali verbali o comportamentali in risposta alla protesta del bambino. Una madre ansiosa, ad esempio, invierà involontariamente al figlio la difficoltà di separarsi da lui che rinforzerà il problema.

L'opposizione e le proteste del bambino persistenti  oltre le due settimane segnalerebbero un disagio  al quale prestare attenzione. Senza lasciar trascorrere troppo tempo e creare inutili allarmismi, sarebbe il caso di sentire il parere di uno psicologo, ricordando che la prevenzione risparmia il consolidarsi e il peggioramento dei disagi, quando ve ne sono.

Un orientamento molto indicato per questo tipo di difficoltà è quello sistemico-relazionale, che può accompagnare i genitori nella corretta  gestione del problema, essendo il loro apporto fondamentale per aiutare il proprio figlio a riconquistare la serenità e aiutarlo a frequentare la scuola senza problemi.

Bibliografia: Bowlby John, Attaccamento e  perdita: vol 1. L’attaccamento alla madre, Bollati Boringhieri

M.Ammanniti, Psicopatologia dello sviluppo, Cortina

IL RIFIUTO DELLA SCUOLA NEL BAMBINO

bambinorifutoscuolaIl rifiuto della scuola in età scolare (elementari), è espresso dal bambino il più delle volte da sintomi fisici, spesso gastro intestinali, mal di testa, lamentele somatiche, attraverso le quali chiede di restare a casa.

Una volta che il bambino ha ottenuto di non andare a scuola, si tranquillizza e i sintomi svaniscono  Se tale rifiuto non è occasionale, ma protratto oltre le due settimane, segnala un disagio da non trascurare e  di cui bisogna capire il significato.

Il rifiuto della scuola, può manifestarsi in relazione a un avvenimento negativo a scuola, anche se più di frequente trova un possibile riscontro nelle dinamiche interattive familiari o nella difficoltà di separarsi dalla madre. 

È comunque l’espressione di un disagio che il bambino prova, il cui significato andrebbe compreso alla luce di quanto avviene nei suoi principali contesti di riferimento - famiglia, scuola - e alle sue specificità personali, percorso evolutivo, storia familiare, per poi poter intervenire attivamente.

Comprendere la funzione di questo comportamento sintomatico, e da cosa sia sostenuto e alimentato, è importante per la sua risoluzione. Bisogna restituire al bambino la serenità per riprendere a frequentare la scuola liberandolo dalle difficoltà  attraverso risposte appropriate, poiché la frequentazione della scuola è imprescindibile  non solo per la funzione didattica, ma anche per quelle socializzante e educativa, come sappiamo.

Quando è in atto un ostinato rifiuto è infruttuoso tentare di ricondurre il bambino alla ragione o forzarlo. Pur se animati da buone intenzioni, è opportuno evitare feedback che possono rinforzare il problema e fondamentale sapere come gestire il comportamento del bambino con modalità idonee.

Quando il rifiuto della scuola si protrae per un periodo di tempo significativo, occorre esaminare con attenzione il problema, mediante  la consultazione di uno specialista per evitare la cronicizzazione e il peggioramento delle difficoltà e per adottare le soluzioni  adeguate alla loro risoluzione.

 L'approccio sistemico-relazionale  è particolarmente indicato  per fornire  ai genitori strategie adeguate per gestire  e affrontare le difficoltà e accompagnare il bambino nel loro  superamento, affinché possa riprendere a frequentare serenamente  la scuola.

La comprensione e la gestione del disagio del bambino da parte dei genitori sono importantissime, al fine di modulare in modo appropriato alla risoluzione del problema comunicazioni e comportamenti rivolti al bambino in difficoltà.

BIBLIOGRAFIA: M. Ammanniti, Psicopatologia dello sviluppo, Cortina

Autori vari, Psicoterapia relazionale con i bambini, Astrolabio

  • 1
  • 2
Come superare Ansia/Panico/Doc/Fobie

Come superare Ansia/Panico/Doc/Fobie

Come superare i disturbi d'ansia anche in tempi non necessariamente lunghi- Quali i trattamenti indicati per gestirli e risolverli?
Uscire dalla depressione

Uscire dalla depressione

Le varie forme depressive, le ricadute sulla qualità di vita, sulle relazioni, sulla famiglia e sul lavoro. Come curare la depressione.
Come affrontare i conflitti di coppia e familiari

Come affrontare i conflitti di coppia e familiari

Cosa fare quando quando la coppia è in crisi? E quando i conflitti in famiglia sono ingestibili?
Come gestire le difficoltà nel rapporto genitori figli

Come gestire le difficoltà nel rapporto genitori figli

Incomprensioni, conflitti, mancanza di dialogo possono rendere molto difficile la relazione con i nostri figli. Come fare per superare le criticità?

psicologo

           Dott. Laura Rinella Psicologa Psicoterapeuta

                     Via Rubicone, 27 - quartiere Trieste - 00198 ROMA

            Cell. 344 2956766

           Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

   

gtag('config', 'UA-60001338-2');