psicologoromalaura rinellaDott.ssa Laura Rinella  Psicologa Psicoterapeuta                                                  Iscr.Ordine Psicologi Lazio n. 6246
Via Rubicone, 27 Roma Nord Quartiere Trieste
cell.344 2956766 mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

cell2 344 2956766

  • Home
  • Paura di guidare/amaxofobia-psicologo roma nord

pauradiguidareamaxofobiaLa paura di guidare-amaxofobia

La fobia della guida o amaxofobia è l’eccessiva paura, talvolta invalidante, di guidare un automezzo.
L’amaxofobia fa parte delle fobie specifiche e causa nel soggetto un forte stato d’ansia in relazione allo stimolo fobigeno.
 
Tale paura fa si che il soggetto provi ansia sia nell’affrontare direttamente la situazione specifica, sia al solo anticiparla col pensiero.
Quando il solo pensare allo stimolo fobico comporta sensazioni di forte stress, stiamo parlando di ansia anticipatoria.
Le paure più comuni che accompagnano l’amaxofobico sono: paura di guidare in autostrada, su tangenziali, di guidare di notte o al buio, sotto la pioggia, di guidare in galleria, di guidare su ponti o altezze, di fare incidenti, di trovarsi bloccati nel traffico, di sentirsi male e l'impossibilità di potersi fermare in caso di necessità, di non avere possibili vie di fuga.
 
In parole brevi, è come se tutte le possibili situazioni che possono capitare alla guida di un automezzo diventassero improvvisamente delle minacce  insuperabili, delle catastrofi fortemente temute, che comportano un forte stato d’ansia e stress. Ansia che si può esprimere in particolare attraverso l'attivazione di sintomi vegetativi tra cui tremori, tachicardia, affanno, sudorazione copiosa, spossatezza, senso di confusione, fino ad arrivare al panico.
 
Esperire dei sintomi così spiacevoli fa sì che il soggetto, con il passare del tempo, arrivi a rinunciare alla guida (evitamento fobico) e che se costretto a farlo, si trovi in una situazione di intensa ansia difficile da gestire; anche il solo pensiero di guidare può di per sé rievocare quelle sensazioni estremamente fastidiose in maniera vivida.
 
L’evitamento diventa dunque il tentativo di soluzione al disagio che permette al fobico di mettersi al riparo dal pericolo temuto.
Esso si rivela però alquanto disfunzionale poiché se al momento placa l’ansia, finisce in seguito per alimentarla e di conseguenza rinforzare la fobia.
In effetti ogni volta che non affrontiamo ciò che temiamo, ci autoconfermiamo la paura che diventa sempre più grande, fino a sembrarci insormontabile.
 
La fobia della guida o amaxofobia può pertanto avere ricadute anche pesanti sulla qualità di vita di chi ne è colpito. Pensiamo a chi deve utilizzare una vettura per lavoro, per necessità familiari, per emergenze o anche per semplici viaggi di piacere e a causa della fobia di cui soffre vi rinunci o, se costretto, affronti la guida con estrema difficoltà e  malessere.
 
Ansia e stress sono i principali fattori che minano il benessere quotidiano e conviverci ogni giorno può risultare estenuante.
L'ansia inoltre, se non curata a dovere, tende con il tempo a peggiorare e cronicizzarsi.
I sintomi ci segnalano la necessità di prenderci cura di noi stessi: una cura tempestiva è il miglior modo per ritrovare il proprio benessere e il proprio equilibrio in minor tempo.
Un trattamento psicoterapeutico rappresenta perciò la miglior soluzione per gestire e affrontare un disagio alla radice, lavorando sui fattori connessi al suo insorgere e su ciò che contribuisce a sostenerlo e alimentarlo, siano essi di tipo ambientale, sociale/relazionale, personale o un insieme dei tre.
La paura di guidare può essere sconfitta anche in tempi brevi con la psicoterapia.
gtag('config', 'UA-60001338-2');