psicologoromalaura rinellaDott.ssa Laura Rinella  Psicologa Psicoterapeuta                                                  Iscr.Ordine Psicologi Lazio n. 6246
Via Rubicone, 27 Roma Nord Quartiere Trieste
cell.344 2956766 mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

rapporto genitori figli neonatoConsigli alla neo mamma

Cara mamma, l'arrivo di un bebè è gioia, ma anche fatica e addattamento a tutti i  cambiamenti e gli stravolgimenti della vita quotidiana.

Provata dalle fatiche della gravidanza e del parto, dagli sbalzi ormonali conseguenti, dal nuovo ruolo e dai nuovi compiti della maternità, indaffarata fra allattamenti frequenti, cambi di pannolini, bagnetti, accudimenti vari, hai bisogno soprattutto di tranquillità, serenità e di qualche aiuto  per recuperare energia e benessere.
La quotidianità si fa intensa e faticosa e il rapporto con il partner, con i parenti, muta con l’arrivo di un bebé.
Non si è più solo compagni o coniugi, ma anche padre e madre, nuovi ruoli che comportano reciproche aspettative.
Ancora di più diventa necessario comunicare per condividere i nuovi compiti, confrontare le aspettative, trovare nuove regole di vita, confrontarsi sulle modalità educative da mettere in campo per il nuovo arrivato. E' dunque evidente come l'arrivo di un bebé comporti molti adattamenti e il conseguimento di un nuovo equilibrio familiare.
Entrare nel ruolo di genitori non è semplice, è vero che piano piano si impara a capire il proprio bimbo e a gestirlo, a regolarsi su ritmi e faccende varie, ma all’inizio l’adattamento non è facile.
 
In merito ai parenti, l’arrivo di un bimbo crea nonni, zii, cugini, un particolare non trascurabile dato che tutti, nell’euforia dell’evento, tendono a curarsi un po' meno delle emozioni e delle necessità della mamma, centrando le attenzioni sul nuovo nato e sulle sue cure. I consigli di terzi dati in buona fede e con buone intenzioni, rischiano di diventare un ulteriore fatica da gestire, uno stress in più in particolare per la mamma che rischia talvolta di sentirsi prevaricata nel suo ruolo per le ingerenze di terzi.
Dunque cara mamma, attenzione, la tua serenità è la prima cosa di cui ti devi occupare, oltre al tuo piccolo. E’ importante che tu lo faccia per crescerlo bene. Una mamma soddisfatta  è la migliore garanzia per crescere un bimbo in modo armonioso ed equilibrato.

Ecco alcuni consigli per non scordarti di te stessa, dei tuoi bisogni, presa dalla cure per il tuo neonato: l’arrivo di un bimbo ti cambia la vita, ma non lasciare che te la sconvolga

  • Riposa a sufficienza, approfitta di quando il tuo bimbo dorme per rilassarti o fare un pisolino
  • Non trascurare le tue amicizie. anche se il tempo è poco, trovalo per una telefonata a un’amica, un caffè in sua compagnia,
  • Prenditi cura del tuo corpo. Non ti scoraggiare per i cambiamenti che la maternità ha prodotto sul tuo corpo. Se vuoi puoi tornare in forma. Non ti trascurare. Cerca di dedicarti un po’ di tempo al giorno, basta anche una mezz’oretta per la cura di te stessa. Guardati allo specchio e programma una ruotine quotidiana, un bagno rilassante, una crema sul corpo, qualche piccolo esercizio fisico per cominciare. Non ti lasciare andare anche quando la tentazione è forte.
  • Quando puoi esci all’aria aperta. Le passeggiate con il tuo bimbo, al parco per esempio, possono essere un’ottima occasione per conoscere mamme come te, socializzare, scambiarsi opinioni, spezzare la routine.
  • Comunica e confrontati in modo costruttivo con il tuo partner. Se non ti senti capita, se ti senti trascurata e poco aiutata non coltivare delusione e rabbia, parlane senza timore. Se c’è un problema affrontalo con calma, non rimandare. Il non detto, trascinare problemi non risolti e difficoltà, fa male alla relazione.
  • Non ti vergognare se talvolta provi sentimenti di tristezza e di sconforto, non tenerli per te, parla delle tue emozioni. Se dovessero essere frequenti e protrarsi per un po’ di tempo, meglio sentire un parere esperto, come quello dello psicologo. Potresti avere bisogno di un piccolo sostegno che ti accompagni nel superare un momento di difficoltà.
  • Condividi con il tuo partner le decisioni che riguardano il vostro bimbo, i problemi, eventuali difficoltà, le modalità educative.
  • Di fronte alla confusione che puoi provare riguardo a consigli di terzi riguardo problemi e cure per il tuo bimbo, ricordati che sono i pareri competenti che contano, come ad esempio quello del pediatra.
  • Trova con il tuo partner il tempo per coltivare spazi anche per la coppia, al di fuori della genitorialità. almeno una volta alla settimana cercate di uscire da soli, anche un gelato, un caffè, una passeggiata, possono aiutare.
  • Fai una cosa positiva al giorno che ti faccia sentire bene e riconoscitene il merito.
  • Congratulati con te stessa per quello che stai facendo e per la creatura che hai messo al mondo.
  • Se lavori, cerca un aiuto per le faccende domestiche, non ti oberare i sabati e le domeniche per mettere la casa a lustro.
  • Non pretendere che la casa sia perfetta come prima, fai le cose necessarie, tralascia il superfluo, non pretendere la perfezione. Sii indulgente con te stessa.
  • Difendi con fermezza i confini del tuo nucleo familiare da invadenze e intrusioni esterne, non è necessario scontrarsi, ma essere chiari e calmi. cerca di non essere offensiva ma non cedere o derogare e non farti prendere dai sensi di colpa. Fai rispettare i tuoi diritti, sono sacrosanti.
  • Quando ti senti stanca o triste o scoraggiata parlane con qualcuno, condividi le tue emozioni. E’ normale e non è assolutamente una colpa sentirsi in questo modo talvolta. Le fatiche sono tante, i cambiamenti nello stile di vita anche, così come quelli nella relazione con il tuo partner, è un periodo di adattamento anche faticoso.
  • Se provi sentimenti di colpa verso il tuo bimbo, se l’umore è costantemente basso, se ti senti in difficoltà o a disagio, non tardare a chiedere un consulto ad uno psicologo. Puoi ad esempio accedere alle strutture ASL del tuo territorio come il Consultorio Familiare o se preferisci puoi rivolgerti a un professionista privato.
  • Ricordati che la tua serenità viene al primo posto anche per garantire al tuo bambino un ambiente favorevole alla sua sana crescita. La tua tranquillità è anche quella della tua creatura.

Se vuoi puoi scrivermi usando il modulo contatti.

Email

psicologo

           Dott. Laura Rinella Psicologa Psicoterapeuta

                     Via Rubicone, 27 - quartiere Trieste - 00198 ROMA

            Cell. 344 2956766

           Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.